Toti contro Conte e il nuovo DPCM: «Separati milioni di italiani senza valide ragioni»

Toti attacca conte e il nuovo DPCM: «Separati milioni di italiani senza valide ragioni, si parla di buon senso ma vedo solo non senso»2 min


GENOVA – «Ma chi scrive queste norme ha mai vissuto nella province italiane o solo nelle grandi città?». Così il presidente della Regione Liguria e vicepresidente della Conferenza delle Regioni, Giovanni Toti, commenta via Facebook il testo del nuovo DPCM sul Covid.

«Buon senso? Vedo solo non senso»

«Sa che il nostro Paese è composto da tanti piccoli comuni, uno vicino all’altro e che così separeremo milioni di italiani senza valide motivazioni scientifiche legate alla lotta contro il virus? – denunciava Toti nelle ore precedenti alla firma del nuovo DPCM, dopo averne visto la bozza, auspicandosi un cambiamento in vista della versione ufficiale. «Cosa cambierà sulla limitazione degli spostamenti dal 23 al 24 dicembre? Da cosa è motivata questa scelta? Mi auguro davvero che, come sempre, questa bozza, visto l’effetto che sta facendo, alla fine venga modificata. Perché qui invece del buon senso tanto auspicato vedo solo del non senso. E non mi pare che in Europa qualcun altro abbia fatto una cosa simile. La notte porta consiglio… speriamo».

La delusione di Toti

Tuttavia, le modifiche non sono arrivate, e il presidente della Liguria si è detto deluso. «Purtroppo, dobbiamo rilevare che il Governo, al momento, non ha accolto nessuna delle nostre proposte di modifica al Decreto di Natale. Ritengo che le misure prese siano contrarie ai principi che fino ad oggi abbiamo usato: collegare il rischio epidemico di ogni territorio alle regole da applicare». Così il presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti, a proposito della riunione delle Regioni con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Critica al Governo

«Più il virus circola, più ovviamente bisogna chiudere e ridurre i contatti. Ora invece che il Covid cala in molte zone del Paese, prima tra tutte la Liguria, si decide di chiudere indiscriminatamente. E lo si fa proprio nei giorni in cui, a Natale e Capodanno, gli italiani, che si sono impegnati tanto a rispettare le regole, avrebbero meritato un po’ di fiato: la possibilità di lavorare e di vedere qualche amico e qualche parente. In più lo si fa penalizzando chi vive nelle piccole città, da cui non si potrà uscire neppure per fare due chilometri di strada. Mentre nelle grandi città ovviamente gli spazi di libertà sono ben altri. Altro che ‘zone bianche’! I ristoranti continueranno a chiudere, come i bar, alle 18. E questo a prescindere dai dati dell’epidemia», afferma il governatore della Liguria «Nessuno aveva mai detto di voler aprire nelle zone rosse, o comunque a rischio. Ma nelle zone del Paese dove il virus circola meno, perché non dare un po’ di speranza a cittadini e imprese? O sbagliavamo prima a dividere l’Italia in zone, o sbagliamo ora a considerarla tutta uguale».

Immagine di copertina Screenshot da profilo Facebook Giovanni Toti


0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa vuoi condividere su Genova Fan?
Articolo
Inserisci un articolo con foto, video e immagini
Sondaggio
Inserisci un sondaggio per capire cosa ne pensano gli utenti di Genova Fan di determinati argomenti
Video
Incorpora Youtube, Vimeo o Vine
Immagine
Foto o GIF
Audio
Incorpora Soundcloud o Mixcloud
Gif
Inserisci una gif animata
Trivia quiz
Quanto ne sanno i lettori di Genova Fan su determinati argomenti? Testa le loro capacità!
Lista aperta
Chiedi agli utenti di Genova Fan di votare la migliore foto, musica o video
Test della personalità
Inserisci una serie di domande che rivelano qualcosa della personalità
Elenco
Il Classico Internet Listicles
Conto alla rovescia
Il Classico conto alla rovescia del web
Graduatoria
Inserisci un elenco e chiedi agli utenti di stilare la propria graduatoria
Meme
Carica le immagini e personalizzale con del testo per creare un meme e condividerlo con tutti gli utenti di Genova Fan