Sanremo, lite Ibrahimovic-Lukaku: scatta la polemica contro la presenza del calciatore al Festival

«È razzista resti a casa», dopo la lite con Lukaku è polemica sulla presenza di Ibrahimovic al Festival di Sanremo1 min


IMPERIA – La lite tra Ibrahimovic e Lukaku alla fine del primo tempo del derby di Coppa Italia Inter-Milan infiamma i social e si riverbera anche su Sanremo: Ibra è stato annunciato come ospite fisso del Festival numero 71 (2-6 marzo). «Io mi rifiuto di vedere un elemento come Ibrahimovic a Sanremo! Come ‘ospite d’onore’ poi, lasciamo stare proprio», scrivono sui social.

Tutti contro Ibra

«Ibrahimovic – scrive un utente su Twitter – mi auguro che dopo lo sgradevole episodio di questa sera i dirigenti Rai decidano di cancellare la sua presenza a Sanremo», si legge in un altro tweet. «Il razzismo dovrebbe essere combattuto in tutti gli ambiti» è un altro cinguettio, mentre vola l’hashtag #ibranograzie. Anche il vicepresidente del Senato Ignazio La Russa, interista, si schiera contro Ibra al festival: «È razzista resti a casa, ma l’obiettivo è l’audience e l’audience vince su tutto».

«Spettacolo indegno»

Per il sindaco di Imperia Claudio Scajola «vedere le immagini dello spettacolo indegno andato in scena durante il derby di Milano mi fa dire che non sia concepibile avere Ibrahimovic ospite d’onore al Festival di Sanremo. Il servizio pubblico non può girarsi dall’altra parte».

Il pensiero del Codacons

E anche il Codacons non vuole il centravanti del Milan al festival. «Dopo gli insulti razzisti da parte di Ibrahimovic nel corso del diverbio con Lukaku appare impensabile far intervenire il calciatore come ospite d’onore al Festival – dice il presidente dell’associazione, Carlo Rienzi – La Rai rischierebbe di far passare l’errato messaggio che l’azienda avalla il razzismo, dando un posto d’onore a un calciatore protagonista di un episodio odioso».

La replica di Ibrahimovic

Nel frattempo, Zlatan Ibrahimovic risponde alle accuse dicendo che «non c’è posto per il razzismo nel mondo di Zlatan». Il calciatore è cresciuto in un ghetto multiculturale e ha sempre visto il campo da gioco come una livella per le differenze. «Ho esagerato, ma guai a chi mi dà del razzista. Siamo tutti giocatori, alcuni migliori di altri».

Immagine di copertina rappresentativa / Licenza Creative Commons – Zdravko Petrov


0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa vuoi condividere su Genova Fan?
Articolo
Inserisci un articolo con foto, video e immagini
Sondaggio
Inserisci un sondaggio per capire cosa ne pensano gli utenti di Genova Fan di determinati argomenti
Video
Incorpora Youtube, Vimeo o Vine
Immagine
Foto o GIF
Audio
Incorpora Soundcloud o Mixcloud
Gif
Inserisci una gif animata
Trivia quiz
Quanto ne sanno i lettori di Genova Fan su determinati argomenti? Testa le loro capacità!
Lista aperta
Chiedi agli utenti di Genova Fan di votare la migliore foto, musica o video
Test della personalità
Inserisci una serie di domande che rivelano qualcosa della personalità
Elenco
Il Classico Internet Listicles
Conto alla rovescia
Il Classico conto alla rovescia del web
Graduatoria
Inserisci un elenco e chiedi agli utenti di stilare la propria graduatoria
Meme
Carica le immagini e personalizzale con del testo per creare un meme e condividerlo con tutti gli utenti di Genova Fan