Genova, processo bis Torre Piloti: nuove condanne e nuove assoluzioni

Processo bis Torre Piloti: arrivano nuove condanne e nuove assoluzioni1 min


GENOVA – È stato condannato a tre anni l’ammiraglio Felicio Angrisano, ex comandante della Capitaneria di porto di Genova ed ex comandante generale della Capitanerie nell’ambito del processo sulla collocazione della torre piloti, la struttura crollata il 7 maggio 2013 per l’urto della Jolly Nero provocando la morte di nove persone.

Gli imputati e la nascita del processo

Gli imputati sono ex progettisti, datori di lavoro e dirigenti che approvarono il progetto della torre. Il processo sulla costruzione è nato grazie alla tenacia della mamma di Giuseppe Tusa, una delle vittime. La procura aveva inizialmente chiesto l’archiviazione ma la donna si era opposta e il GIP aveva ordinato al PM nuovi accertamenti.

Le condanne

Oltre ad Angrisano sono state condannate altre sei persone mentre cinque sono state assolte. Le altre pene riguardano in particolare: Fabio Capocaccia, ex commissario del Comitato autonomo portuale, condannato a due anni (il PM aveva chiesto tre anni e quattro mesi); un anno e sei mesi per Angelo Spaggiari, strutturista (due anni e sei mesi); due anni per Paolo Grimaldi, ingegnere (quattro anni); un anno e sei mesi per Ugo Tomasicchio, ex presidente della sezione del Consiglio superiore dei lavori pubblici (tre anni e quattro mesi); un anno e sei mesi per Mario Como, strutturista (tre anni); un anno per Giovanni Lettich, della Corporazione piloti (tre anni).

Gli assolti

Le persone assolte sono: Paolo Tallone, ufficiale della capitanerie di porto (un anno e quattro mesi); Sergio Morini, anche lui della Corporazione piloti (un anno); Gregorio Gavarone, della Rimorchiatori riuniti (due anni), e Roberto Marzedda, anche lui della Rimorchiatori (sei mesi) ed Edoardo Praino, ex funzionario del Cap. Condannate al risarcimento delle parti civili l’Autorità portuale, e i ministeri dei Trasporti e della Difesa. Il giudice ha disposto la trasmissione degli atti al pm per valutare eventuali responsabilità per Alberto delle Piane, ai tempi del disastro amministratore delegato dei Rimorchiatori uniti, e Andrea de Gaetano, ai tempi responsabile affari generali Rimorchiatori uniti.

«Un monito»

«Spero che la sentenza possa servire da monito per le istituzioni. A me non interessano le pene, ma le responsabilità che sono state dimostrate. La melma deve uscire fuori dal porto. Bisogna dimostrare anche le responsabilità dei vertici». A parlare è Adele Chiello, la mamma di Giuseppe Tusa, una delle vittime del crollo. Grazie alla sua tenacia è partito il processo di oggi. «Questa sentenza – continua la Tusa – deve essere un monito per tutte le istituzioni, un monito per chi fa il furbo e per le istituzioni che devono garantire la sicurezza della vita umana. Se fossi stata zitta qui chi avrebbero condannato?»

Immagine di copertina rappresentativa


0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa vuoi condividere su Genova Fan?
Articolo
Inserisci un articolo con foto, video e immagini
Sondaggio
Inserisci un sondaggio per capire cosa ne pensano gli utenti di Genova Fan di determinati argomenti
Video
Incorpora Youtube, Vimeo o Vine
Immagine
Foto o GIF
Audio
Incorpora Soundcloud o Mixcloud
Gif
Inserisci una gif animata
Trivia quiz
Quanto ne sanno i lettori di Genova Fan su determinati argomenti? Testa le loro capacità!
Lista aperta
Chiedi agli utenti di Genova Fan di votare la migliore foto, musica o video
Test della personalità
Inserisci una serie di domande che rivelano qualcosa della personalità
Elenco
Il Classico Internet Listicles
Conto alla rovescia
Il Classico conto alla rovescia del web
Graduatoria
Inserisci un elenco e chiedi agli utenti di stilare la propria graduatoria
Meme
Carica le immagini e personalizzale con del testo per creare un meme e condividerlo con tutti gli utenti di Genova Fan